Il Carnevale di Latina tra tagli e malumori

La colorata e allegra locandina della 34esima edizione del Carnevale di Latina oramai è già un ricordo lontano. Quest’anno il centro di Latina non sarà animato da migliaia di persone che festeggiano. Adulti e bambini non passeranno uno spensierato pomeriggio. Insomma, la nostra città non vivrà la tradizionale sfilata dei carri allegorici. Il motivo? Mancanza di fondi.

Dopo l’incontro con l’associazione per il Carnevale di Latina, il Comune era disposto ad erogare un contributo massimo di 2mila euro. Il presidente dell’associazione Tino Di Marco ha prontamente affermato: “La 35esima edizione del Carnevale di Latina non può essere portata avanti con soli 2 mila euro la perdita è per la città e per i bambini”.

La scelta dell’amministrazione ha innervosito più di qualche cittadino che vede diminuire anno dopo anno le attrazioni ed i luoghi di incontro di Latina. Ovviamente vista la disastrosa situazione in cui versano le esangui casse comunali, il Commissario ha deciso di percorrere quell’angusta strada che sta portando riscontri più che positivi per le casse dell’amministrazione, ma che diffonde un giusto malcontento tra i cittadini.

Le periferie (dalla Q4 a Latina Scalo) ed i quartieri della città non vivono una prosperosa realtà. Il centro non è abbastanza curato per dimostrare le sue vere potenzialità di socializzazione e di attrazione. Le passate amministrazioni hanno distratto denaro dalle casse comunali che sarebbe potuto servire per il bene comune. Ora i cittadini devono subirne le conseguenze. Insomma, siamo alle solite. Ma oltre alle solite ovvie conseguenze scaturite dalla mala- amministrazioni e mala-politica, questa volta ci toccherà anche un Carnevale senza sfilata.

di Federico Aversa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *