Passerella dell’Onesta 2016

Qualche volta succede che un oggetto, un posto si carichi di una energia particolare che lo rende magico. Certo, questa energia non la possono sentire tutti. Bisogna sapercisi sintonizzare. Ma la magia a volte si manifesta.

E la magia di cui è carica la nostra “Passerella dell’Onestà”, si è manifestata quando quest’anno ci siamo attivati per ripristinarla in sito.

La competenza al rilascio dell’autorizzazione comunale era passata ad altro ufficio (peraltro non perfettamente identificato), rispetto a quello che ci ha autorizzato lo scorso anno. E era sorta anche una complicazione riguardo la proprietà del terreno su cui insiste la parte di passerella preesistente. Pertanto dopo innumerevoli tentativi e discussioni, si è giunti alla conclusione che il Comune non poteva rilasciare una regolare autorizzazione.

Poi da sopralluoghi effettuati, risultava che la duna si era mossa e il suo livello era parecchio al di sopra del piano di posa dello scorso anno. Così che buona parte della passerella che era stata lasciata, era seppellita dalla sabbia.

E ancora, la movimentazione per la posa non poteva essere fatta a mano, Sarebbe stato pericoloso.

E allora si è palesata la magia. A volte basta guardarsi negli occhi, stringersi la mano, e l’obiettivo diventa comune e impellente. E allora l’immagine si materializza.  Le parti in causa per la proprietà, interpellate, si sono manifestate d’accordissimo. I funzionari comunali così come la Forestale, non hanno fatto obiezioni.

Con allegria e olio di gomito, la passerella seppellita è stata fatta riemergere e si è sollevata all’altezza giusta.

13529149_1010218452429009_1132654375763130281_nPoi, chissà da dove, una splendida alba, è spuntato un trattore gigante (con un mega carrello e un forklift),  adatto per il trasporto (anche sulla sabbia) e la posa in opera dei pesanti  tronconi di passerella. E allora, a dispetto della burocrazia e della forza di gravità, i pezzi di passerella sembravano volteggiare nell’aria e andare a prendere il proprio posto, pronti ad accogliere chi ne ha bisogno. Non è facile descrivere l’emozione che si provava in quei momenti.

Ancora un paio di pomeriggi passati tra attrezzi, tavole e vernice e la nostra “passerella dell’Onesta” è pronta anche quest’anno per essere inaugurata.13606813_1012562008861320_4450142261030100723_n

Un altro piccolo passo nella  composizione e rafforzamento dell’archetipo della solidarietà, fratellanza e inclusione è stato fatto. Un archetipo che lotta per affermarsi. Deve sconfiggere le tenebre dell’egoismo e non è facile. Nel buio le persone non vedono chi le circonda e ha bisogno. Ma se si accende la luce, ci si rende conto che il proprio benessere e la propria felicità passano attraverso quelli degli altri.

È l’evoluzione, bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *