Il NO di Latina: i cittadini in piazza annichiliscono i politicanti da salotto

15128945_1125482704196267_4232541842278656206_oQuesto è un giorno importante per l’Italia. Il risultato di affluenza e di voti per il NO è andato al di là di ogni più rosea previsione.

Ed è un giorno importante per la nostra città, Latina, che sia come affluenza che come voti per il NO ha superato di molto la media nazionale.

Siamo fieri dei nostri concittadini. Hanno avuto coraggio. Del resto lo avevano già dimostrato scegliendo una amministrazione al di fuori dei partiti.

Noi del meetup “5 Stelle Latina in Movimento” abbiamo dato il nostro contributo di cittadini attivi, stando in Piazza del Popolo tutte le domeniche mattina da metà settembre insieme al Comitato per il No e ai meetup Cittadinanza Attiva, Olim Palus e Amici di Beppe Grillo, e a tutti coloro che avevano qualcosa da dire contro la “riforma” costituzionale, che con prepotenza e una retorica infantile il nostro premier (ex-premier!) ci voleva imporre a colpi di una “maggioranza” raccogliticcia, messa insieme alla bisogna in un parlamento eletto con legge incostituzionale.15135984_1126202397457631_3793553423482380480_n-1

L’evento da noi organizzato, sempre in piazza, sabato 19 novembre con la presenza, tra gli altri, di Davide Barillari, consigliere regionale del M5S, è stato vibrante. Bisognava esserci per sentire l’atmosfera elettrica, la palpitante energia che poi si è espressa nel voto di ieri.

Basta poco per fare politica con e per i cittadini. Un microfono, un altoparlante, uno striscione, qualche manifesto, qualche volantino e tanta voglia di esprimere il proprio pensiero, di mettere in circolo idee e valori. E questo la gente di Latina lo ha capito.

Lo abbiamo visto in queste settimane e in questi mesi. E’ stata la vittoria dei cittadini e della piazza, che hanno sconfitto i poteri forti e il Palazzo. Anche qui a Latina abbiamo visto questo scenario. Renzi e Boschi sono venuti e si sono barricati in sale chiuse, dando vita a eventi di facciata, in cui erano presenti solo i loro seguaci; il nostro meetup e il comitato per il NO, invece, sono stati per 2-3 mesi costantemente in Piazza del Popolo, a spiegare con passione e convinzione le proprie ragioni ai cittadini, che intervenivano, chiedevano, discutevano e anche criticavano. Persino quando nelle ultime due settimane quelli del Sì hanno provato a scendere in piazza, cercando di ricucire lo strappo con la città, sono apparsi incapaci di stabilire un reale contatto con la popolazione: li abbiamo visti timidi e impacciati sotto un gazebo, senza convinzione, forse perché neppure loro credevano ormai alla propaganda del “Bomba”.

15138352_1125482797529591_1108211092322778139_oE allora anche noi che siamo parte del sogno del M5S abbiamo avuto una grande lezione ieri, una lezione che rafforza le nostre convinzioni di oggi e deve guidarci per gli obiettivi del domani: il futuro è del popolo e con il popolo, guai a trasformarci anche noi in politicanti distanti dalla gente, chiusi in salette e salotti, perché noi non siamo l’ennesimo partito nuovo che si dichiara migliore di quelli precedenti, il nostro compito non è quello di diventare politici prendendo il posto di altri politici: noi abbiamo l’obiettivo di ridurre il potere esercitato dai politici (pochi) e distribuirlo alla popolazione (tutta) attraverso una democrazia differente, maggiormente partecipata e de-partitizzata. Il cittadino al potere. Questo il nostro obiettivo, questo il nostro ideale, questo il nostro sogno. Che dopo il voto di domenica 4 dicembre è più vicino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *